sabato 31 ottobre 2009

Punta su di te!


La fiducia in te stesso è il più grande pregio che possiedi: Fallo venire a galla!


10 commenti:

  1. E' un bellissimo post, l'ho letto con molto interesse e ho trovato vari spunti su cui riflettere come per esempio dove dici: Sii sempre tollerante ed elastico con il tuo prossimo, perchè la maggior parte non sono quasi mai quello che sembrano, spesso non sono nemmeno quello che pensano si essere....

    RispondiElimina
  2. Grazie! La tolleranza è il punto di partenza per giungere a non giudicare ...l'unica vera strada verso la personale realizzazione!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ciao Giò
    Penso che per non giudicare bisogna prima conoscere se stessi, e dopo capendo (nel tempo o nei tempi) che si è parte tutti di quel tutto si arriva all’altruismo e al prossimo anche se spesso, per chi ancora è nel sentiero delle prove questo viene scambiato facilmente in per bonaria stupida superficialità e tante altre malevoli futili aspetti esteriori.
    Un Buon Fine Settimana

    RispondiElimina
  4. ciao raffaele! ...non sono proprio tanto d'accordo! perchè dici che il non giudizio viene scambiato con
    "bonaria stupida superficialità e tante altre malevoli futili aspetti esteriori".
    Io sono convinta che il non giudizio vero possa essere solo apprezzato, oltre che risultare comunque molto produttivo...

    RispondiElimina
  5. Cara Giò,
    per arrivare effettivamente al NON GIUDIZIO, prima bisogna cambiare dentro di noi quello che l'EGO, L’EGOISGMO ci induce a pensare degli altri. QUANDO SI E' NEL NON GIUDICARE E' PERCHE' L'ESSERE E' ARRIVATO, E’ APPRODATO A QUEL SENTIERO CHE DA QUI, IN FRAMMENTO CHIAMIAMO ILLUMINAZIONE. (non penso che siano tanti gli esseri che hanno riscoperto questo sentiero, specialmente oggi in questi tempi di grande perdita di valori)
    PERCHE’ QUANDO SI RIACCENDE QUELLA LUCE, QUELLA LUCE VUOLE PARLARE ANCHE AI PROPRI SIMILI, che spesso mal interpretando quelle verità, spesso porteranno ad un falso giudizio, scambiato facilmente con "bonaria stupida superficialità e tante altre malevoli futili aspetti esteriori".
    (sono convinto che anche questo mio dire generi queste interpretazioni)

    RispondiElimina
  6. ...Non credi che dire che i propri simili interpretano quelle verità con falso giudizio scambiato per stupida superficialità ecc.. sia già una forma di giudizio?
    E poi perchè continui a dire che sono tempi questi di perdita di valori? non è una generalizzazione troppo ampia? ...ti dico la verità che per la mia ristretta esperienza questa è un 'epoca di riscoperta dei valori più che di perdita....
    una abbraccio giò

    RispondiElimina
  7. Ciao Giò,
    lo sarà per te e per tanti, ma non per tutti. Se poi con analitica indagine ci affacciamo alla storia del passato, di sicuro questo non è un buon periodo. (siamo ancora nell’età del ferro che porterà dopo quella necessaria trasformazione che non è indolore all’età d’oro). Certo quelle due costanti Apollinea e Dionisiaca si alternano da sempre ciclicamente.
    E’ vero anche quello che tu dici, perché quando si è nel basso della curva, per quella compensevole LEGGE DELL’EQUILIBRIO rinascono e si riattivano quelle forze opposte per riequilibrare la disarmonia creatasi. Ma tutto questo, come tu mi insegni ormai fa parte delle vecchie duali energie del passato, mentre oggi è in corso un vero cambiamento e risveglio di coscienza a livello planetario dovuto soprattutto a cause esterne perché presto ci sarà quel salto quantico dimensionale. (citato simbolicamente dal dire di tutti i popoli della terra e scientificamente da quella ricerca di frontiera nascosta a tanti) Che poi si creda o non si creda a queste cose il tempo parlerà da solo. (e spero tanto che le verità si facciano strada nel cuore duro degli uomini, prima che certi eventi succedano) Sai, si dice che CHI CERCA TROVA, ma quando trovi e vuoi condividere certe cose con gli altri perché ritieni che servano a tutti, proprio qui sta proprio il problema più grosso perché è difficile parlare ai propri simili.
    E’ anche vero quello che tu dici su quelle mie affermazioni perché è innegabile il giudicare, ma come ho già detto è importante prima AUTOGIUDICARSI, come è anche vero che per arrivare a questo bisogna prima capire la natura umana, non solo nell’esteriore, ma soprattutto nell’interiore, nel mondo della coscienza (o dell’anima) e soprattutto bisogna capire il perché di certe cose che ci accadono senza un apparente valido motivo, mentre le cause prime per quella legge di CAUSA/EFFETTO sono da ricercarsi nel nostro agire e soprattutto in quello passato.
    Scusami se spesso sono così lungo nell’esprimere certi inarticolati pensieri che sono stati già metabolizzati e contemplati con quella analisi scevra, assai impersonale e assai introspettiva. Purtroppo spesso certe cose possono essere spiegate solo per CONCETTI o parabole perché è difficile spiegarle con le semplici giuste parole.
    Una Buona Serata Carissima Giò
    (se questo mio dire non è in sintonia con i tuoi pensieri ti prego solo di frenare il mio dire)

    RispondiElimina
  8. per quanto riguarda le "duali energie del passato" io non ti insegno proprio niente perchè non so di cosa parli. In quanto al "cuore duro" degli uomini ribadisco che mi pare una genralizzazione e come tale affermazione poco obiettiva. Poi mi pare che come tu o io abbiamo il diritto di cercare e magari di trovare (anche se magari cose diverse) altri hanno l'altrettanto inalienabile diritto di non essere costretti ad essere coinvolti dalle nostre ricerche! Non credo poi che l'autogiudicarsi renda lecito il giudicare gli altri! Anche se il tuo "dire non è in sintonia con i miei pensieri" non vedo perchè dovrei "frenare il tuo dire".... al limite continuo a riservarmi il diritto di non capire dove vuoi arrrivare!!!
    ciao ciao ciao

    RispondiElimina
  9. Cara Giò,
    per quel concetto di libertà o di scelta, non voglio né arrivare né portarti da nessuna parte, ma solo condividere con il raziocinio dell’intelletto e con l’intuito certe idee sulla vita e sulle numerose vite che l'essere affronta prima di arrivare a quella coscienza che ci rapporta tutti con il tutto.
    Quanto alle duali energie del passato sono identificabili nei corsi e nei ricorsi storici visti da un punto di vista strettamente di pensiero speculativo (filosofia). Io dagli studi che ho fatto sono essenzialmente un tecnico, ma per necessità, per sete interiore ho affrontato tematiche di ben altra natura dalla mia normale attitudine. Penso e forse mi darai ragione che lo studio comparato fra teologia/filosofia/arte/tradizioni/usi/costumi e scienze superiori dia una visione del tutto che produce meno errori di valutazione rispetto ad una singola branca di pensiero o di scienza. Io la chiamo analisi introspettiva, qualcuno la chiama autocoscienza, qualcun altro meditazione o contemplazione trascendentale, ma alla fine penso che è solo autoconsapevolezza dell’essere IO SONO con tutti i propri difetti e con tutti i propri pregi che se capiti e trascesi ci permettono di raggiungere quelle mete interiori che si sposano con quel processo evolutivo di ogni cosa.
    Solo questo e nulla di più.
    Ciao Cara Giò, una Buona Serata al Tuo Prezioso Cuore

    RispondiElimina