lunedì 22 giugno 2009

Fede nel pardiso terrestre


Io sono esattamente quello che credo di essere, e anche la realtà che mi circonda è precisamente quella che io sono convinta che sia. L’unico nostro limite è determinato dalla nostra mente e dalla fatica che facciamo ad avere fiducia che possa essere qualcosa di diverso da quello che vediamo. Se noi non riusciremo a convincerci della realizzabilità di un mondo fatto di pace ed armonia, questo non potrà mai manifestarsi per noi. Provare a crederci o crederci un po’ non serve, bisogna esserne assolutamente sicuri. Il dubbio è la catastrofe! Questa è la vera fede!!

Il dubbio e la paura sono gli artefici delle nostre sconfitte.

Non siamo stati mai condannati ad una vita di sofferenza in una valle di lacrime, siamo noi a relegarci continuamente in questa condizione che ai nostri occhi è quella naturale. Non potremo mai liberarci di questo giogo se non ci convinciamo dell’assurdità della situazione.

Per rendere nuovamente reale il paradiso terrestre qui e ora dobbiamo scegliere consapevolmente di sentire unicamente l’amore e la gratitudine nella nostra vita e nel nostro mondo. Solo così potremo vibrare alla stessa frequenza dell’Amore manifestando nella realtà il paradiso che potenzialmente è già dentro noi stessi.

Per riuscire a riconoscere la via per raggiungere questo posto incantato dentro il nostro io, non possiamo che convincerci nel profondo che c’è tangibilmente una realtà diversa da quella determinata dai nostri dubbi e dalle nostre paure ed è reale e vera gia qui e gia adesso., ma la possiamo percepire solo connettendoci alla vibrazione dell’Amore.

Anche la nostra terra è un organismo vivente che sprigiona la stessa energia che si sviluppa da noi. Impegnamoci quindi fin da ora ad abbandonare i nostri dubbi e le nostre paure distruttive e a sostituirle con l’amore e con la gratitudine. Questo avrà degli effetti su tutti quelli che ci circondano e, non ultimo, sul nostro pianeta. Ma noi abbiamo potere solo su noi stessi quindi è solo da noi stessi che può partire il cambiamento, ma facciamolo adesso.

Articolo già pubblicato su www.leggediattrazione.net

2 commenti:

  1. Trovo molto giusto questo principio di attrazone, ma a me le cose sono sempre state regalate ad unvero cambiamento posso arrivarci solo per necessità o costrizione esterna. Basta pensare alla sigaretta, nessuna buona motivazione riuscirà a tiogiermela dalla bocca.

    RispondiElimina
  2. si vede che tu sei già talmente allineato alla matrix che le cose ti vanno bene così come sono! cos'è una necessità esterna se non una tua necessità riflessa all'esterno! se ti piace fumare e tu stai bene con te stesso chi te lo fa fare di smettere??? ...invece potresti cominciare a sentire la necessità di iscriverti alla newsletter che ne dici? ;) giò

    RispondiElimina