giovedì 22 ottobre 2009

Amando i Figli


"I Figli non voi li crescete, ma essi crescono voi. Sono essi i vostri educatori, perché attendono che voi siate nel bene prima di imitarvi.

E quando dite: Daremo la vita a un figlio, sapete quale vita state dando? Non la loro, ma la vostra.
Se non avete compreso questo, meglio sarebbe serrare i fianchi e proseguire oltre.
E quando dite: I Figli sono la nostra croce, rallegratevi che essi vi abbiano inchiodato impedendovi di finire nel baratro.
Ed anche quando dite: I nostri Figli ci tolgono un mucchio di tempo, domandatevi se tutto quel tempo che vi viene tolto sarebbe impiegato meglio.
Nella loro infanzia ascoltate i vostri Figli, perché sui loro visi è ancora impigliato qualche frammento del sorriso con cui li hanno rivestiti gli angeli.
Nel tenerli per mano, non date loro fretta, ma camminate al loro passo, perché vogliono guarirvi dal vostro correre.
Non fate ad essi doni, ma donate voi stessi. I doni sono il vostro alibi per non regalare voi a loro.
Consegnatevi nelle loro mani, perché hanno quella saggezza che voi perdeste.
Chiamateli per nome, ed essi chiameranno il bimbo in voi, quello che da soli non riuscivate a rianimare, e lo faranno giocare nel giardino della Vita.
E nella loro adolescenza ascoltate i vostri Figli. Gran parte del muro che in quei giorni spesso vi oppongono non l’hanno costruito coi loro mattoni ma coi vostri.
Non chiedete ad essi cose che già voi non fate. Se siete saggi, vi basterà essere voi stessi.
Ma se non lo siete, non saturateli di limiti senza indicare loro le mete, bensì mostrate di queste la bellezza, e otterrete di più che non mostrando i pericoli di eventuali abissi.
Non affliggetevi se educandoli alle regole essi non le rispetteranno. In realtà tremerebbero di paura se tali regole non vi fossero.
Le loro trasgressioni sono per collaudarne la veridicità. Altre volte per reclamare invece il vostro rimprovero, a testimonianza del vostro amore per loro. Se vi feriranno è perché avete porto loro la vostra vulnerabilità. O perché avete dato senza insegnare a dare.
Talvolta sbattendo la porta vi lasceranno, ma anche se li vedete partire, le navi con cui salpano hanno stive colme dei doni consegnati dalle vostre parole buone. E alla prima tempesta vi si rifugeranno.
Voi siete i seminatori dei loro campi, non i raccoglitori delle loro messi. E la vostra missione consiste nel donare sempre, anche quando la lama della loro libertà vi taglierà le mani.
Nella loro giovinezza, infine, ascoltate i vostri Figli. Con stupore scorgerete che vi hanno superato, che la loro nave ha oltrepassato tutti i primi scogli, ed ora non ha che davanti lo scoglio più pericoloso: voi. Saranno infatti chiamati lungo vie di realizzazione che voi non conoscete, e ciecamente sbarrerete loro le strade.
Ma alla pianta è dato di generare, e non di contenere ciò che genera. Ritenete i vostri progetti più grandi dei progetti che ha la Vita? Non tratteneteli, dunque. Avete donato loro la vostra vita: ora riprendetevela, donando loro di rinunciare a trattenerli.
Sgombrate il vostro cuore da ogni brama di ricevere, perché se il vostro flauto non è cavo, la rinnovata melodia della Vita non potrà attraversarlo.
Se vivrete questa perfetta donazione, saprete amarli nel loro nuovo aspetto, e allora, siano essi Figli del vostro stesso sangue, o siano essi Figli scelti dal cuore, avrete compiuto il terzo passo della vostra crescita.
Potrete così udire le note universali trapassarvi dentro, e capirete che attraverso di voi la Vita ha composto un nuovo canto".
da Il Profeta del Vento, di Stefano Biavaschi



Approfondisci su "Mamma in divenire"

7 commenti:

  1. semplicemente bello..ottimo testo. Ciao Gio.

    RispondiElimina
  2. grazie! è tutto il libro che sarebbe da leggere! ma questa cosa sui figli trovo che sia davvero grandiosa! Se riuscissimo ad adeguarci un po' di più rinunciando un pochino alle indicazioni del solito ego ...credo che sarebbe tutto più semplice!

    Ma come dicono Elio e le storie tese tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"!!!!

    RispondiElimina
  3. Sicuramente non facile da seguire ma si puo provare.Sarebbe così bello riuscirci. Ma cosa ne so io poi!!!
    Cmq meraviglioso. Brava Giò
    De

    RispondiElimina
  4. Veramente Bello Giò,
    c’è tante antica saggezza in queste parole che dovrebbe essere messa in pratica per capire che I NOSTRI FIGLI SONO GIA’ PIU’ GRANDI DI NOI siamo noi che dobbiamo rilasciare i vecchi retaggi, i vecchi condizionamenti e tutte quelle induttanze del passato e dell’ego.

    Per ogni cosa c’è sempre una spiegazione che va oltre la logica, e le apparenze, ma sta nella natura umana riscoprirla, questa è la vera conquista, che qualcuno più saggio ha lasciato come traccia.

    Bella, per ogni frase, per ogni parola ci potrebbe scrivere un libro.

    Grazie Giò che ci permetti di contemplare queste belle parole, non solo con l’intelletto, con la coscienza interiore e soprattutto con il cuore.

    RispondiElimina
  5. Molto interessante Giò.
    La donazione di sé ai figli e non giocattoli inutili per farsi perdonare...

    RispondiElimina
  6. perchè dici cosa ne so poi io? io non ho mai mandato giù quelli che ti chiudono la bocca dicendo: "ma che ne sai tu, parla quando avrai dei figli tuoi" ...cos'è che uno che non è genitore non capisce niente di rapporti umani???
    ... e comunque è vero che i doni non devono sostituire la nostra presenza, ma anche qualche bel regalo a volte ci sta bene no? avete presente quella luce negli occhi di un bimbo che scarta qualcosa??
    baci baci

    RispondiElimina
  7. bellissimo, sono su questa strada con la speranza di riuscire contrastata da chi non credo che oggi sei madre ma ieri eri figlia
    grazie per questo scritto che da forza al cammino e luce splendende all'anima
    grazie giò
    :))

    RispondiElimina