lunedì 19 ottobre 2009

La prova scientifica dell'esistenza di Dio

Prima di continuare a leggere, fermati e chiudi gli occhi per un istante. Adesso poniti la seguente domanda: nell’istante in cui i tuoi occhi erano chiusi, il mondo ha continuato ad esistere anche se non n’eri consapevole? Come lo sai? Se ti sembra uno di quei rompicapo senza risposta che il professore di filosofia utilizzava per stimolare la tua immaginazione filosofica, potresti essere sorpreso di scoprire che esistono degli scienziati, all’interno di università di tutto rispetto, che credono di aver trovato la risposta. E la loro risposta, che tu ci creda o no, è «No».
Adesso considera qualcosa di ancora più sconcertante. Immagina, per un momento, l’intera storia dell’universo. Secondo tutti i dati che gli scienziati sono riusciti a raccogliere, esso si è formato grazie a un’esplosione avvenuta circa quindici miliardi di anni fa, punto d’inizio di una danza cosmica di luce ed energia che continua fino ai giorni nostri. Ora immagina la storia del pianeta Terra. Una nuvola informe di cenere emerge da quella primordiale palla di fuoco, si condensa lentamente in una sfera solida, trova la sua strada nell’orbita gravitazionale intorno al sole e grazie a una complessa interazione di luce e gas produce, dopo miliardi di anni, un’atmosfera e una biosfera capaci non solo di creare la vita, ma anche di sostenerla e moltiplicarla.
Ora immagina che nessuno dei fatti succitati sia mai avvenuto. Considera, invece, la possibilità che l’intera storia sia esistita solo come un potenziale astratto – un sogno cosmico tra infiniti altri sogni cosmici – fino a quando, in quel sogno, la vita si è in qualche modo evoluta portando alla nascita del primo essere senziente conscio. In quell'istante, unicamente grazie all’osservazione conscia di quell’individuo, l’intero universo (inclusa tutta la storia che ha portato a quel momento) è venuto improvvisamente alla luce. Fino a quel momento, nulla era mai davvero successo. In quell’istante, sono avvenuti quindici miliardi di anni. Se tutto ciò non ti sembra nulla di più che la trama di un romanzo fantascientifico o una versione secolare di uno dei grandi miti mondiali sulla creazione, reggiti forte: secondo il fisico Amit Goswami, la succitata descrizione è una spiegazione scientificamente fattibile del modo in cui l’universo si è formato.

Tratto da: "La prova scientifica dell'esistenza di Dio "
di Craig Hamilton

5 commenti:

  1. ciao scusa, ho provato a scaricare il report, ma se clicco sul titolo mi apre una pagina con scritto, nessun risultato per la tua ricerca, puoi controllare, grazie ila

    RispondiElimina
  2. ciao! hai ragione non funziona! comunque digita la parola - esistenza - nella casella di ricerca (subito sopra alla scritta "nessun risultato per la tua ricerca") e ti viene fuori il download. se non ci riesci scrivimi una mail che ti mando direttamente il file!
    ciaooooooooooooooo

    RispondiElimina
  3. Ti stavo scrivendo per dirti di questo problema relativo al download dell'intero report e mi sono resa conto che anche altri hanno avuto questo problema.

    Spero che ci aiuterai a trovarlo per poterlo scaricare e leggere perchè lo trovo davvero molto interessante.

    Grazie,
    Sandra

    RispondiElimina
  4. ecco fatto! spero di aver scelto la strada giusta! vi garantisco che per interessante è davvero interessante!!!! ciaooooooooooooooo

    RispondiElimina
  5. Buon Giorno Giò,
    in quel mio scritto avevo riportato già qualcosa che parla del PARADIGMA OLOGRAFICO DELLA REALTA' come avevo accennato anche alla REALTA' MULTIDIMENSIONALE DELL'ESSERE DEFRAMMENTATO SU DIVERSI PIANI DI COSCIENZA DIVERSI. ma al solito il mio dire è sempre incapibile....

    RispondiElimina