mercoledì 28 ottobre 2009

testimonianza Ho-oponopono di Silvia Paola Mussini

Grazie della vostra attenzione spero di riuscire a trasmettervi ciò che io ho portato a casa da questo, per me, importante week end.

Anch'io come tutti, da sempre, ho i miei percorsi... Avanti e indietro, su, giù, dentro e fuori di me. A volte anche con estremo dolore.
Come tutti.
Anch'io "cerco" o meglio una parte dentro me, autonomamente cerca.
Non posso e non riesco e non voglio fermarla.

Anch'io devo schiarire e chiarire domande, dubbi, perplessità, che mi gravitano attorno come satelliti che non riescono ad essere indipendenti.
Ma voglio rendermi arresa e aperta ed esplorare la veduta creativa.

Io credo a ciò, ma sento anche le barriere che il dottore perlopiù denominava "memorie". Ogni problema che sperimentiamo è a causa di queste memorie, che sia esso psicologico, fisico o materiale.

L'Ho'oponopono si occupa di trattare e risanare tutto questo con l'Amore.

Non è facile ed è semplicissimo allo stesso tempo.

Essenziale bisogna pulire completamente la mente e darle modo di sperimentare. Ognuno ha il suo percorso, i suoi piaceri, i propri dispiaceri, il suo "destino".

Quello che ho capito per l'esperienza fino a qui,è che il destino si puo' cambiare, o meglio lo si puo' creare.

Basta tacitare e mettere in posizione di osservatore quella parte che vorrebbe delle prove immediate concrete e tangibili.

Quella parte deve andare in vacanza per consentire la creazione alla parte più antica e saggia. A quella che davvero ha potere.
A quella che non è legata alla conoscenza ordinaria, e accessorio di questa, alle memorie.

Il dott Ihaleakala Hew Len ci spronava a fargli domande, molti di noi alzavano la mano. Mentre esponevano il quesito già sembrava a noi ascoltatori, che il senso dell'interrogativo fosse assurdo (in fondo eravamo andati li' per credere alla premessa del corso e alla promessa della sua fama, o meglio dei suoi risultati, non per formulare provocazioni)

Con ciò non intendo essere sbavanti ricercatori di qualcuno o qualcosa che allevi le grandi paure e i grandi quesiti di noi umani, ma il saper arrendersi alla magia della vita, alla creazione energetica che la maggior parte di noi sperimenta e vive ogni giorno anche nelle piccole cose.
E saper avere il coraggio di reggere la notizia bomba, che davvero possiamo essere creatori, alla pari dei grandi mistici e delle più Grandi figure religiose di ogni tempo.

I creatori della nostra e non solo nostra, realtà.

Hew Len continuava a tirare fuori mentre parlava, una piccola torcia e la puntava sopra un pezzo di plexiglass alternando la trasparenza dell'azione all'oscurita' provocata
(che voleva a noi spiegare l'ottusità delle menti infarcite di memorie e programmi che ostacolavano la visione e conseguentemente i miracoli,)
sovrapponendo alla piastrella trasparente un pezzo di rigido feltro nero.

E facendoci poi sentire stupidi (io mi sentivo stupida almeno! ) malgrado la sua estrema ferma dolcezza e i saettanti, anche se anziani e un pò stanchi, occhi pieni di scintille incendiarie.
E perche' ci smontava pezzo a pezzo portandoci sempre alla stessa risposta....FATELO!! Non domandatevi (non domandatemi) mettetelo in pratica e sperimentate. Fatelo!

E' l'unica cosa che al momento vi posso dire, oltre fornirvi qualche link ed il titolo del libro scritto da Joe Vitale, che sto leggendo, dedicato a questo anziano medico hawaiano.

Ognuno di noi deve fare le proprie creazioni, senza limite di grandezza!

E come voi concentrarmi sulla sensazione del vuoto assoluto, luogo della creazione.
Il Punto Zero, dove non ci sono limiti, dove il DiO si manifesta.
Dove Potere veder fruttare questa linea di pensiero, cioè di NON pensiero, che si occupa di sanare il Tutto.

...come diceva il dottor Hew Len...fatelo!! :-))

Mi dispiace (con tenerezza e partecipazione nei confronti della situazione a cui si riferisce, o a una persona, a un fatto...soprattutto a se stessi, ammettere che ciò che impensierisce sta Davvero pesando. Abbracciare il proprio cuore e farlo sentire caldo e compreso)

Scusami (perdonami, o ti perdono a seconda di dove è indirizzata l'energia del fatto- a se stessi fondamentalmente e al fatto che permettiamo agli eventi di darci tanto dolore o al fatto che spesso ci bistrattiamo trattandoci ben peggio di come possono fare gli altri, magari perchè non soddisfiamo una "media" o un eccellenza di comportamento che riteniamo doverosa...)

Grazie !! Grazie per tutte le cose belle che ci sono, che esistono, che abbiamo fatto e creato, grazie del fatto di aver fatto un atto di umiltà e insieme di forza per esserci dispiaciuti e scusati, e per andare a ripulire, volenterosi e pieni di fiducia relativizzando la nostra responsabilità nel darci tanto peso e tanto dolore.

Ti Amo !!! Ti amo Dio, o ti amo Universo o Creatore o Energia o il Tutto!! Ti amo Tutto, ti amo Mondo, ti amo Spazio, ti amo mare, ti amo cielo, ti amo persone, ti amo famiglia, amici, amanti, mariti, figli, gattini e fiorellini e qualsiasi cosa esite, perchè ciò che esiste,
- Qualunque cosa che esiste - è nata per un atto di Amore.

E soprattutto "TI AMO Me Stesso", ti amo con tutta l'anima, il cuore, il sentimento, l'intenzione. Ti Amo me stesso con tutto l'Amore di cui sono capace.

Ti amo infinitaMente e da oggi ti daro' il meglio! Il Tempo migliore, il cibo migliore, il vestito migliore, il rossetto migliore, l'attenzione migliore, le idee migliori, i presagi migliori, gli amici migliori, le letture migliori, i progetti migliori, le Creazioni i migliori!
Il meglio ed il migliore di quello che posso.

Amore Gratitudine e Gioia

Mi dispiace>Perdonami> Grazie > Ti amo

Vi abbraccio

Silvia Paola

www.CerchiAmo.net

1 commento: