sabato 19 dicembre 2009

Cos'è la realtà?


Abbiamo formato il tessuto delle nostre esperienze attraverso le nostre convinzioni. Questi pensieri intimi personali su noi stessi sono la natura della Realtà plasmata dai nostri pensieri e dalle nostre emozioni. Noi siamo talmente convinti che le nostre nozioni sulla realtà siano la verità che non ci sognamo nemmeno di metterle in discussione.

Ci sembra tutto così evidente che non ci preoccupiamo minimamente di esaminare il fenomeno da vicino.

Questo modo di accettare ciò che ci è stato insegnato (inculcato) senza discutere, è un atteggiamento mentale che ci invecchia, e non possiamo nemmeno lottare contro la vecchiaia o contro la malattia o contro il dolore semplicemente perché nella nostra testa abbiamo già accettato che sia così.

Non capiamo che le nostre sono solo credenze sulla realtà, le percepiamo invece come caratteristiche della realtà stessa. Purtroppo queste idee sono indiscutibili, sono parte di noi, tanto che non ci passa per il cervello di metterle in dubbio.

In questo modo la malattia è realtà, la sanità è la realtà, la povertà è realtà, la ricchezza è realtà, la disperazione è realtà, la serenità è realtà , perché la nostra realtà è la dualità, il bene e il male. E di conseguenza la realtà è la sopravvivenza del più forte, del il più intelligente, del più fortunato.

Alcune persone, per esempio, non mettono mai in discussione le loro convinzioni religiose date per scontate fin dalla nascita, le accettano come dati di fatto: il cristianesimo che respinge la divinità interiore o la reincarnazione o al contrario l'induismo, che rifiuta il non reincarnarsi. Queste sono la realtà.


(Anonimo ...dal web)

Nessun commento:

Posta un commento