lunedì 22 marzo 2010

Come il caffè


Una figlia si lamentava con suo padre circa la sua vita e di come le cose le risultavano tanto difficili.

Non sapeva come fare per proseguire e credeva di darsi per vinta. Era stanca di lottare. Sembrava che quando risolveva un problema, ne apparisse un altro.
Suo padre, uno chef di cucina, la portò al suo posto di lavoro. Lì riempì tre pentole con acqua e le pose sul fuoco.Quando l'acqua delle tre pentole stava bollendo, in una collocò carote, in un'altra collocò uova e nell'ultima collocò grani di caffè. Lasciò bollire l'acqua senza dire parola.La figlia aspettò impazientemente, domandandosi cosa stesse facendo il padre.Dopo venti minuti il padre spense il fuoco. Tirò fuori le carote e le collocò in una scodella. Tirò fuori le uova e le collocò in un altro piatto. Finalmente, colò il caffè e lo mise in un terzo recipiente. Guardando sua figlia le disse:

"Cara figlia mia, carote, uova o caffè?" fu la sua domanda. La fece avvicinare e le chiese che toccasse le carote, ella lo fece e notò che erano soffici, dopo le chiese di prendere un uovo e di romperlo, mentre lo tirava fuori dal guscio, osservò l'uovo sodo. Dopo le chiese che provasse il caffè, ella sorrise mentre godeva del suo ricco aroma.

Umilmente la figlia domandò: "Cosa significa questo, padre?"

Egli le spiegò che i tre elementi avevano affrontato la stessa avversità, "l'acqua bollente", ma avevano reagito in maniera differente.

La carota arrivò all'acqua forte, dura, superba; ma dopo avere passato per l'acqua, bollendo era diventata debole, facile da disfare.

L'uovo era arrivato all'acqua fragile, il suo guscio fine proteggeva il suo interno molle, ma dopo essere stato in acqua, bollendo, il suo interno si era indurito.

Invece, i grani di caffè, erano unici: dopo essere stati in acqua, bollendo, avevano cambiato l'acqua. "Quale sei tu figlia?" le disse.

"Quando l'avversità suona alla tua porta; come rispondi?"

"Sei una carota che sembra forte ma quando l'avversità ed il dolore ti toccano, diventi debole e perdi la tua forza?"

"Sei un uovo che comincia con un cuore malleabile e buono di spirito, ma che dopo una morte, una separazione, un licenziamento, una pietra durante il tragitto diventa duro e rigido?

Esternamente ti vedi uguale, ma sei amareggiata ed aspra, con uno spirito ed
un cuore indurito?

"O sei come un grano di caffè? Il caffè cambia l'acqua, l'elemento che gli causa dolore.

Quando l'acqua arriva al punto di ebollizione il caffè raggiunge il suo migliore sapore."

"Se sei come il grano di caffè, quando le cose si mettono peggio, tu reagisci in forma positiva, senza lasciarti vincere, e fai si che le cose che ti succedono migliorino, che esista sempre una luce che illumina la tua strada davanti all'avversità e quella della gente che ti circonda."

Per questo motivo non mancare mai di diffondere con la tua forza e positività il "dolce aroma del caffè".

(Tratto da Studio Gayatri)

grazie a Daniele Barbarotto

26 commenti:

  1. UNA VITA FIORITA

    Non avvilirti pel mal che succede
    cammina con letizia e tanta fede.
    Ogni dì pensa sempre a migliorare;
    sappi che Dio tanto ti vuol donare.
    Con il cuore benedici la gente:
    chi è buono, ma pur chi è pungente.
    Tu puoi vivere felice e contento
    ed avere in poppa un gran bel vento.

    Daniele Barbarotto

    RispondiElimina
  2. Bellissima,una vera lezione di vita!!

    RispondiElimina
  3. GRAZIE! STAMATTINA IN PARTICOLARE, AVEVO BISOGNO DI UNA SPINTINA....BUONA GIORNATA.
    UN ABBRACCIO DI LUCE. MONICA

    RispondiElimina
  4. La nostra vita è davvero piena di segnali, sta a noi stare attenti e vederli... Questo è uno di quelli. Grazie...sempre al momento giusto, la fede, se ci credi si manifesta...Piera

    RispondiElimina
  5. bellissimo..questa mattina ne avevo proprio bisogno...

    RispondiElimina
  6. bellissima ne farò tesoro..io sono tra l'uovo e il caffè ma procedo bene ...ciao e grazie infinite ancora...love love love

    RispondiElimina
  7. ...grazie...un messaggio "giusto"...in un momento (mio)"giusto"....!!!!!

    RispondiElimina
  8. Clelia Roberta18 maggio 2010 10:34

    Grazie grazie grazie..... di cuore !!!
    Vorrei essere come il chicco del caffè....

    RispondiElimina
  9. bellissima storia : assolutamente e profondamente vera ! io....sono il caffè ...hahahaha...grazie per questa preziosa condivisione♥ ♥ ♥

    RispondiElimina
  10. bel racconto sulla capacità di trasformare il veleno in medicina e sul potere di influenzare l'ambiente; lo posto subito sul mio profilo :) grazie

    RispondiElimina
  11. MariaAntonietta18 maggio 2010 10:37

    Profonda..... bellissima..... potrebbe essere il Vangelo dei nostri giorni. Nella mia vita mi sono sentita come una carota e a momenti come un uovo perkè la vita, a volte ci mette a dura prova, ma voglio sentirmi, e mi sento, come un chicco di caffè... l'energia vitale è dentro di noi, dobbiamo solamente tirarla fuori dall'angolo più nascosto della nostra anima..... GRAZIE di questo mess. un abbraccio!!! ♥

    RispondiElimina
  12. bellissimaaaaaa

    RispondiElimina
  13. Grazie, anche oggi in qualche modo mi arriva un segnale e si rivolge in maniera adeguata e dolce. Voglio essere come il chicco di caffè nell'acqua bollente. Grazie ancora.

    RispondiElimina
  14. Non mi sorride l'idea di stare per sempre nell'acqua bollente, ma mi piace pensare di poter influenzare in positivo l'ambiente circostante e trarre occasioni di crescita dalle avversità.

    Mi viene in mente un detto - anch'esso di ispirazione gastronomica/alimentare -: quel che non ti uccide ti ingrassa.
    Molto rustico e insieme molto efficace.

    RispondiElimina
  15. bella....grazie! :-)

    RispondiElimina
  16. grazie...anche io stamani avevo bisogno di una marcia in più..ieri la notizia dei militari uccisi mi ha sconvolta...anche perchè mio fratello si trova li...ed è dura sapere che facevano parte della stessa brigata..ragazzi vi chiedo di illuminarmi le giornate a venire...anche perchè mio fratello resterà li ancora x molto...e l'attesa è lunga...ed io mi sento debole...grazie mille

    Un abbraccio...
    Giusy

    RispondiElimina
  17. prima di questo avveimento mi sentivo forte...anche perchè finalmente sono arrivate x me delle nuove collaborazioni lavorative...ero energica...molto intenzionata...adesso mi sento avvilita...ed è purtroppo una sensazione che ho già provato in passato...quando mio padre è stato male...perchè mi domando io...forse devo dimostrare di aver imparato qualcosa dalla lezione precedente..ma ragazzi miei è maledettamente difficile quando è in gioco la vita dei tuoi cari...spero di star meglio...

    Giusy

    RispondiElimina
  18. Grazia,
    bellissimo grazie e un abbraccio

    RispondiElimina
  19. bellissima grazie!!!

    RispondiElimina
  20. grazie ....una grande lezione di vita!
    ciao a tutti
    barbara

    RispondiElimina
  21. CarlaAntonella18 maggio 2010 14:44

    Grazie!!! Bellissimo il racconto, bellisime le trascrizioni delle parole del Bhudda...siete grandi!!! Buonagiornata un'abbraccio, Carla Antonella

    RispondiElimina
  22. bellissimo parametro....grande insegnamento..grazie
    gabriella

    RispondiElimina
  23. veramente efficace...dovremmo essere tutti dei bei gran chicchi di caffè....forza ragazzi che ce la posiamo fare....grazie un abbraccio pieno d'amore a tutti

    RispondiElimina
  24. bellissimo.... davvero mi ci andava il buon aroma di caffè oggi :) grazie

    RispondiElimina
  25. chissà come sono..forse un pò tutt'è tre cose..dipende dai casi e da ciò che mi succede.

    RispondiElimina