mercoledì 31 marzo 2010

Dall'introduzione al "Vangelo Esseno della Pace"


Resta secondario sapere se si alluda o meno allo stesso Gesù della Chiesa ...non stiamo parlando della paternità di un invenzione, nè dobbiamo attribuire dei "diritti d'autore" ....la filosofia Essena fu (e resta) uno dei patrimoni culturali collettivi dell'umanità.
La rtealtà è che le risposte, le "cure" bisogna scovarsele personalmente, spesso al di fuori degli ambiti ufficiali e convenzionali.
Molti disprezzano la "Verità".... la considerano un lusso inutile, o semplicemente non sanno usufruirne, magari la temono e in qualche modo la odiano. Ma il problema è che malgrado ciò non possono fare a meno di servirsi del suo nome, del suo simulacro, della sua parodia, come pretesto per alimentare sistemi di potere che mitighino le insicurezze attraverso il controllo del prossimo.
Ma se ogni lettore possiede un'innata capacità di giudizio, perchè qualcuno dovrebbe arrogarsi il diritto di suggerirgli cosa credere o pensare? Dobbiamo forse convenire che il 'Dio' venerato a parole, la grande coperta di linus che ognuno cerca di tirare dalla sua parte, sbagliò quando ci fornì l'intelletto? O semplicemente affidare gli uomini alla ragione contrasta i disegni di spartizione del mondo orditi dai monoteismi religiosi?
L'intento di molte successive rielaborazioni della saggezza primordiale era sostanzialmente il medesimo, ossia custodire le regole e le tecniche che alleviano i mali degli uomini e li rimettono in sintonia con se stessi e con il pianeta. Ma come possiamo vedere la volgarizzazione, l'abuso, lo sfruttamento, la dispersione teorica della conoscenza, in certi casi ci hanno consegnato culture sostanzialmente stravolte, dove le tracce dell'originaria 'verità' sono a malapena riconoscibili.
Ma nonostante tutto forse possiamo esser grati non solo (e sommamente) a chi compilò questi manoscritti, ma perfino a chi li occultò. La sottrazione dell'opera alle attenzioniumane, sebbene mossa da intenti non propriamente nobili ha di fatto (e seppur involontariamente) contribuito a salvaguardare la purezza originaria del messaggio.
Fortunatamente la virtù di un'opera si premia da sè e non necessita di raccomandazioni per entrare nell'olimpo dell'onorabilità mondana. In tal senso il "Vangelo esseno della Pace" non è secondo a nessun 'libro sacro' riuscendo a guadagnare ogni anno lettori in tutto il mondo pur senza essere pubblicizzato.
Dunque lasciamo agli accademici di qualunque scuola, mestiere o religione le polemiche intorno a ipotetiche e astratte 'certezze' esegetiche...
E' il valore intrinseco, reale, scientifico, perfino manualistico di quest'opera da valorizzare, consapevoli del fatto che la sua validità concreta - cresciuta, verifcata e consolidata in una ricerca evolutiva di milioni di anni - supererà indenne la severa futilità dei nostri 'giudizi'.

Tratto dall' introduzione al "Vangelo esseno della pace" di Tonino Bianconi


Il Vangelo Esseno della Pace 

Il Vangelo Esseno della Pace

Edizione integrale

Prezzo € 14,00
Compra titolo prodotto

Nessun commento:

Posta un commento