giovedì 25 marzo 2010

Dissociamoci dalla nostra Rabbia!

Il principio importante è smettere di identificarsi con le reazioni emozionali del subconscio. Quando dico sono arrabbiato, mi identifico con il subconscio e quindi mi sarà estremamente difficile liberarmi dalla rabbia. Il punto è diventare coscientemente consapevoli della collera, quindi percepirla o sperimentarla da una posizione di 'testimone', in cui riusciamo ad osservare l'emozione con più obiettività e siamo maggiormante capaci di cambiarla. La mente cosciente di per sè non è emotiva, quindi quando una reazione emotiva vi porta ad impegnarvi in un'azione fisica 'senza pensarci' è perchè la mente cosciente ha permesso al subconscio di prendere il sopravvento. Imparando ad assumere un punto di vista obiettivo non appena le emozioni vengono a galla, riusciamo a controlllarne la direzione e persino a togliere loro ogni forza.
Le emozioni possono nascere da un'infinità di cause - alcune hanno una base ragionevole, altre appaiono del tutto illogiche.
Una tecnica di controllo consiste nell'analizzare lo scopo e l'origine dell'emozione non appena si verifica. Ponetevi delle domande del tipo: da dove arriva questa emozione? Perchè la sto provando adesso? E' appropriata alla situazione? Sembra ragionevole? Dovrebbe essere modificata? Che cosa induce il mio subconscio a provare questa sensazione? Se lo scopo e l'origine dell'emozione non sono immediatamente identificabili, non è molto importante in questa fase! Per ora è più importante imparare a dissociare la mente cosciente dalla reazione e rifiutare di lasciarsi travolgere dalla reazione. Se siete abbastanza decisi e costanti, vi accorgerete che l'analisi già di per sè tende a togliere potere all'emozione, perchè così deviate l'energia dall'emozione verso il processo di riflessione consapevole!

Tratto da: "La padronanza del sè nascosto" Serge Kahili King

2 commenti:

  1. Questo sistema può funzionare con qualsiasi tipo d'emozione o vale solo per la rabbia? xchè diciamo che per la rabbia riesco a usare questo sistema ma con altre emozioni non riesco...

    RispondiElimina
  2. certo che può essere applicata ad altre emozioni,alla paura, alla tristezza, alla gelosia, all'invidia... ma anche alla gioia, alla pace,alla serenità ecc...
    osservarsi è una tecnica molto efficace per ottenere la gestione di sè stessi, sul proprio subconscio e sui propri pensieri. Da osservatori poi sta anoi decidere se vogliamo godere delle emozioni che stiamo provando o se è meglio trascenderle e lasciarle evaporare...

    RispondiElimina