giovedì 18 marzo 2010

Superare la coscienza vittimistica


Rinunciare alla coscienza vittimistica è una decisione personale. Non è un processo facile. Se salvate, divenite una vittima del salvato.Simpatizzare con coloro che sono intrappolati nella coscienza vittimistica supporta il loro vittimismo e vi lega ad essi. Il discernimento vi consente di riconoscere la situazione ed a quel punto dovete prendere atto che la situazione è la loro creazione nata dalla loro convinzione che gli altri controllano le loro scelte. Questo non significa che dovete ignorare il loro dilemma, ma stabilisce che non potete fare per loro ciò che essi non sono in grado di fare per sè stessi. Non è che ci sia una regola fissa su come dare loro saggia assistenza, il loro problema è un risultato delle decisioni personali che hanno preso, e le attitudini che hanno influenzto tali decisioni. Ricordatevi, essi sono esseri umani, in divenire o no, per scelta loro.
Il punto critico del prossimo passo del processo di trascendenza dà seguito all'accettazione della capacità personale di attraversare la coscienza vittimistica accettando la responsabilità personale utilizzando le leggi universali per prendere il comando della propria esperienza manifesta. Questo non significa che ognuno dovrà diventare un milionario per dimostrare di avere realizzato ciò. In verità la maggior parte scoprirà che l'abbondanza è misurata nei sentimenti interiori di auto approvazione e sicurezza di sè che precludono la necessità di dimostrazioni materiali al fine di coronare l'ego. Ciò che fate nei confronti di voi stessi e degli altri è più importante di ciò che possedete. Quando si realizza ciò, tutto il necessario lo si attira senza sforzo, perchè a quel punto siete inclusi all'interno del flusso espansivo della creazione.
Divenire è il traguardo di tutti. Come realizzare questo è un'esperienza da vivere attraverso la scelta dettata dal libero arbitrio. Ognuno deve sapere che la propria è un'esperienza unica che non deve essere confrontata con quella degli altri. Ogni incarnazione è per il proprio specifico scopo divino che deve essere creato attraverso scelte e decisioni proprie. Non ci sono sbagli oltre a rimanere chiusi a concetti nuovi e continuare a ripetere le esperienze attuali per mancanza di discernimento della connessione a ciò che ha focalizzato ognuno nella vita manifesta. Quella connessione vibra all'interno della consapevolezza di ogni uomo ed è ignorata o riconosciuta in base ad ogni singola scelta e decisione che viene presa. Il nostro obiettivo è premere il grilletto per far scattare in ogni umano possibile la consapevolezza di questa connessione, per mezzo di una congiunzione diretta o attraverso dei cambiamenti nella coscienza di massa a livello planetario, usando quella che voi chiamate la teoria della centesima scimmia. per prima cosa, e di massima importanza, vi è il superamento della coscienza vittimistica e l'assunzione della responsabilità personale.

tratto da: "Abbracciando l'arcobaleno" scaricabile su http:// www.altrogiornale.org

2 commenti:

  1. antonio cianchetti18 marzo 2010 19:15

    Sto lavorando su me stesso da qualche tempo in tal senso....essendo una persona che reagisce ed affronta con il sorriso e ironizza sui mille seri problemi fisici sono sempre stato portato ad aiutare chi non trova la forza di reagire.....ma rimanevo sempre invischiato nel bitume dei lamenti e visto come un marziano..arrivano a dire (persone sane fisicamente) beato te che hai questo carattere...fino a qualche tempo fà questa frase mi scatenava un'ira interiore indescrivibile......ora pian piano grazie ai vostri consigli e di altre belle anime qui su FB riesco a schivare i colpi e riderci sopra....comunque ho ancora il rammarico di non riuscire a instradarli su questa filosofia di vita(parlo dei miei familiari).
    Ho ancora i mille problemi fisici (inv.100%) ma ci convivo senza quasi problemi...quando ho qualche ricaduta non me la prendo sò che se ne andrà come è venuta......mi interessano molto le pratiche di autoguarigione ma purtroppo non posso permettermi molto dovendo vivere con la sola pensione....quindi rubacchio qui e là quello che passa il convento....se hai dei buoni consigli in merito te ne sono grato fin d'ora....un abbraccio e grazie

    RispondiElimina
  2. antonio sei un grande! ...qualche buon consiglio ce l'ho:http://www.ho-oponopono.info/2010/03/healing-shapes-forme-di-guarigione/

    RispondiElimina