mercoledì 2 giugno 2010

Una lezione di cuore


"Una lezione di "cuore" è la mia figlioletta di dieci anni, Sarah, che nacque senza un muscolo del piede e porta continuamente un sostegno metallico.
Una bellissima giornata di primavera arrivò a casa dicendo di avere partecipato alla "giornata campestre": si tratta di un'occasione in cui si disputano molte gare e competizioni varie.
Per via del suo sostegno alla gamba, la mente mi andava a mille nel cercare parole di incoraggiamento per la mia Sarah, cose che potevo dirle perché questo non la scoraggiasse, cose che ho udito molti famosi allenatori dire ai giocatori di fronte alla sconfitta, ma prima che potessi pronunciare una sola parola lei alzò lo sguardo verso di me e disse: "Papà ho vinto due gare!". Non riuscivo a crederci! E quindi Sarah aggiunse: "Avevo un vantaggio"! Aaah, lo sapevo... Pensavo le fosse stato concesso un vantaggio, un qualche genere di spazio fisico. Ma di nuovo, prima che potessi dire alcunché, Sarah aggiunse: "Papà, non ho avuto un vantaggio vero e proprio... il mio vantaggio era che ho dovuto impegnarmi di più!".
Questo è cuore! Questa è la mia Sarah.
(Stan Frager)

Nessun commento:

Posta un commento