lunedì 13 settembre 2010

La regola d'oro


"Ama gli altri come te stesso." (Bibbia).
Questa è la famosa regola aurea, la regola che tutti conoscono, ma che solo quattro gatti
mettono in pratica.
Eppure se vogliamo vivere in pace in questo mondo, dobbiamo "fare agli altri quello che vogliamo loro facciano a noi."
Amare gli altri come noi stessi, significa anzitutto che dobbiamo porgere amore alla nostra persona, perché tutto comincia da noi.

A tale proposito, eccovi un esercizio: pensate al vostro corpo come a un luogo sacro e veneratelo come forma di amore.
Siate consapevoli e grati per ogni organo che lo compone.
Adesso fate una preghiera mentale per il vostro fegato, il vostro cuore e il vostro cervello.
Dite: "Grazie per questi organi meravigliosi. Sono consapevole della loro importanza. Voglio amarli incondizionatamente."

Un poeta americano, Henry W. Longfellow, osa dire: “Colui che rispetta se stesso è al sicuro dagli altri; ha indosso una corazza che nessuno potrà trapassare”.

Sì, sì, quando rispettiamo e amiamo noi stessi, è come se avessimo addosso un’armatura di maglia flessibile fatta di anelli di acciaio che ci protegge in modo meraviglioso.

Rispettando e amando sé stesso ciascuno di noi mostra agli altri qualcosa di bello e grandioso.
E' l'esempio più dolce e sublime da offrire.
Una volta appreso a dare amore a sé stesso ognuno di noi è in grado di amare gli altri.
E' importantissimo comprendere bene questa lezione di vita e di felicità.

Daniele Barbarotto

Ama il prossimo tuo come te stesso” non è solo una auspicabile, quanto remota possibilità di realizzazione ideale, ma esprime una relazione fisiologica e meccanica inerente all'esistenza che sintetizza il legame sussistente tra la nostra co...scienza e tutto il mondo esteriore. Non posso veramente amare nessuno se non mi amo. Ossia, se non ho stabilizzato sufficientemente dentro di me qualità non distruttive, eliminando tutte le possibili contraddizioni: inevitabilmente il mio comportamento sarà espressione del conflitto interiore tra la mia parte positiva e quella negativa. Lo stato di amore incondizionato coincide con lo stato di unione integrale della propria coscienza. Pol Dicarne

Osho ripeteva spesso e volentieri "Ama te stesso!", perché per dare bisogna avere. E se una persona non sa amare sé stessa, non sarà in grado di amare veramente nessun altro. Daniele Barbarotto

Nessun commento:

Posta un commento