venerdì 15 ottobre 2010

Per riflettere sull'aldilà

Il grande scienziato Dott. Robert Crookall, D.Sc. Ph.D., ha intrapreso uno studio sistematico di moltissime fonti bibliografiche   e di centinaia di altre comunicazioni provenienti dall'Aldilà, e ha pubblicato i risultati nel libro The Supreme Adventure (L'avventura suprema) del 1961.

La sua opera è considerata "scientifica" nel senso che essa esamina le prove con scrupolo e obiettività, è intrinsecamente coerente e fornisce delle ipotesi conformi alla gran massa delle prove fattuali disponibili.

Crookall si sorprese della concordanza fra le prove giunte dalle diverse parti del mondo. Le comunicazioni provenienti dai vari Paesi erano tutte concordanti fra loro. Si stupì anche del fatto che esse fossero identiche alle credenze dei nativi delle Isole Hawaii, isolate da tutte le altre civiltà della Terra fino alla loro "scoperta" avvenuta nel 1788 ad opera del Capitano Cook. Crookall si sorprese anche della loro concordanza con le testimonianze rese da coloro che avevano avuto un'esperienza extracorporea o un'esperienza di premorte e con le comunicazioni trasmesse dai medium di alto livello.

Le conclusioni a cui Crookall giunse si possono così sintetizzare:

• Tutti gli esseri umani sopravvivono alla morte fisica, a prescindere dalle loro convinzioni.
• Al momento della morte portiamo con noi la nostra "mente" insieme a tutte le esperienze che abbiamo vissuto, il nostro carattere e il nostro corpo eterico (lo spirito)
• Lo stato mentale che si ha al momento della morte è di importanza cruciale. Alcuni muoiono
coscientemente e hanno piena consapevolezza delle persone amate che li accolgono all'arrivo; altri si
trovano in stato di incoscienzae avranno bisogno di "tempo" per ricostruire la propria immagine mentale.
• Non esiste un paradiso che si trova "nel cielo" o un inferno che si trova "sottoterra": l'Aldilà è collocato nel piano terrestre
• È altamente probabile che coloro che hanno una concezione immutabile e dogmatica di ciò che ci si deve
attendere immediatamente dopo la morte incontreranno seri problemi.
• Gli atei e gli agnostici potrebbero non avere alcuna difficoltà nel passare alle sfere superiori quello
che conta è ciò che si è fatto nel corso della propria vita e il motivo per cui lo si è fatto, non quello in cui si è creduto.
• L'amore, quello incondizionato, è la forza più potente che esista nell'universo.
• L'amore incondizionato è il legame inscindibile con i nostri cari che si trovano nell'Aldilà.
• La gente corretta viene accolta dai propri cari le anime gemelle si ricongiungono. Le Intelligenze Superiori ci informano del fatto che nell'Aldilà il nostro aspetto fisico può ritornare quello dell'età migliore per la maggior parte delle persone quello che si ha tra i 20 e i 25 anni.
• Le persone amate che si trovano nell'Aldilà, sia quelle arrivate di recente sia le altre, hanno la facoltà di visitare coloro che vivono sulla terra.
• Alle persone amate arrivate di recente, normalmente entro i tre mesi dal trapasso viene data la possibilità di trasmettere messaggi visivi per mezzo di sogni, apparizioni o in altro modo per attestare che sono ancora vivi.
• Il genere di vita che ci attende nell'Aldilà bellezza, pace, luce e amore è inimmaginabile.
• Nell'Aldilà si possono sempre apprendere lezioni di carattere spirituale per progredire verso sfere superiori e perfino più belle.
• Una volta entrati nell'Aldilà, si prova una sensazione di enorme luminosità.
• Qualunque inabilità fisica si sia avuta sulla Terra sparirà non ci saranno più malformazioni, malattie, cecità e ogni altra avversità che abbia caratterizzato la vita terrena.
• Nell'Aldilà la mente ha un potere enorme. Può creare la materia e può far viaggiare il corpo alla velocità del pensiero. È sufficiente immaginare un qualunque luogo del mondo e ci si trova là istantaneamente.
• Chi è considerevolmente incline al male viene attratto nelle sfere inferiori più oscure, ritrovandosi da solo o in compagnia di coloro che possiedono le sue stesse bassissime frequenze vibratorie e il suo stesso bassissimo livello di spiritualità.
• Per alcuni la transizione dalla Terra all'Aldilà è migliore che per altri maggiore è la conoscenza che si
possiede dell'Aldilà e più agevole è la transizione.
• L'energia positiva o negativa che sia è come un "boomerang". Se si trasmette a qualcuno dell'energia positiva, prima o poi questa tornerà indietro. Allo stesso modo, se con la disonestà, l'imbroglio, la menzogna, la molestia, la calunnia o l'offesa si trasmette dell'energia negativa, anche questa, inevitabilmente tornerà al mittente.
• Ogni pensiero, ogni parola e ogni azione vengono registrati ...
• L'inferno che dura per l'eternità e la dannazione eterna NON esistono essi sono stati inventati dall'uomo per manipolare la coscienza e il pensiero della gente inconsapevole. Sebbene nell'Aldilà CI SIANO delle sfere inferiori particolarmente oscure, sgradevoli e perfino terrificanti alpunto che qualcuno le chiama "inferno" NON ci si finisce per l'eternità. La Legge universale dell'Evoluzione assicura che prima o poi coloro che possiedono vibrazioni inferiori riusciranno a sviluppare vibrazioni più elevate e raggiungeranno le sfere superiori.
• Non si è giudicati da nessuno né si è condannati da qualcuno a rimanere nelle sfere inferiori (l'"inferno"). Ci si condanna da sé, acquisendo durante la vita terrena delle basse vibrazioni (un basso livello di spiritualità).
• La conversione in punto di morte? Gli spiriti superiori ci hanno ripetutamente informato del fatto che
immediatamente dopo la morte le nostre vibrazioni non cambiano nemmeno se ci si pente poco prima di morire. Ci portiamo dietro quel livello vibrazionale (spiritualità) che abbiamo guadagnato o perduto nel corso dell'intera vita terrena. Il Battesimo e il pentimento sono assolutamente inutili se la loro finalità è quella di ottenere "un trattamento migliore" subito dopo la morte.
• Se si è aiutata anche una sola persona ad acquisire la vera conoscenza, si sarà giustificata la propria
esistenza sulla terra Silver Birch.
• La responsabilità è personale in ultima istanza, ciascuno è responsabile delle azioni e delle omissioni
commesse nel corso della propria esistenza terrena.

Tratto da: Un Avvocato Presenta il Caso dell'Aldilà Prove Oggettive Inconfutabili
di
Victor Zammit

http://www.victorzammit.com/book/italian/index.html

Nessun commento:

Posta un commento