martedì 1 febbraio 2011

Pensiero Positivo contro focus Positivo


Ecco una considerazione che forse sarà difficile da accettare: il pensiero positivo non ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi. E' la focalizzazione positiva che ci aiuta a farlo (e il pensiero positivo si limita ad aiutarci a rendere fluida la focalizzazione positiva). Se pensate in modo positivo a una particolare situazione, l'unico effetto sarà farvi sentire più felici e farvi stare meglio nei confronti di quella particolare situazione e delle persone coinvolte. Se invece focalizzate in modo positivo, vi concentrerete su quello che c'è da apprezzare e utilizzare nel vostro percorso verso una determinata meta. Dunque senza essere un "pensatore positivo", e solo grazie alla focalizzazione positiva, potrete senz'altro raggiungere i vostri obiettivi. Ma quali sono le differenze tra il pensiero e la focalizzazione positiva? Pensiamo positivo quando formuliamo pensieri costruttivi su un evento positivo e riflettiamo sulla sua positività in senso emozionale e in relazione atutto quello che ci circonda, e su come questo evento si collega a tutto il resto. Nella focalizzazione positiva partiremo da quanto di relativamente positivo già abbiamo e ci concentreremo sulle nostre doti, sul nostro talento e sulle nostre capacità. La nostra concentrazione si dirigerà su quello che già possediamo in termini di atteggiamento, attitudini e qualità o sui piccoli trionfi che abbiamo conseguito nel nostro percorso verso una determinata meta. Quando si pratica la focalizzazione positiva, si fa uno sforzo consapevole, mentre il pensiero positivo è uno schema abituale di pensiero. Entrambi possono essere sviluppati e affinati. Si parla di "atteggiamento mentale positivo" ed è qualcosa di davvero semplice. Significa guardare a ogni situazione più nera e trovare quali siano i suoi lati positivi. Se per esempio , dopo aver fallito un esame provate ad immaginare quali sono gli aspetti positivi dell'esperienza, ecco che avete praticato il pensiero del "lato buono": sarà positivo, per esempio il fatto di avere la possibilità di studiare meglio e di ottenere una maggior competenza. In vista dell'esame successivo potremo individuare le carenze del nostro metodo di studio e delle nostre capacità di riflessione. Forse sarà necessario studiare in modo diverso, e anche questa è un'esperienza di apprndimento che rientra nel "pensiaro del lato buono". Vedere il lato buono in tutto quello che vi circonda vi permetterà di creare un atteggiamento mentale positivo. Tutto quello che capita nella vita è il risultato delle vostre particolari azioni o dei vostri pensieri in relazione a quel particolare evento.



Tratto da "il senso non comune della vita" di Mel Gill


Acquistalo QUI


Molto tempo fa Jonathan Robinson scrisse una poesia basata su un'antica storia Sufi che parlava della nostra tendenza a giudicare troppo in fretta il significato degli eventi della nostra vita.
S'intitola:


Il Vecchio
 
(riporata alla fine del capitolo con altre parole, probabilmente come traduzione originale della poesia di Robinson che ne racconto qui sotto è invece parafrasta)

C’era una volta, in un villaggio, un vecchio. Era molto povero, ma anche i re erano invidiosi di lui perché aveva un meraviglioso cavallo bianco.

Un cavallo come quello non era mai stato visto: aveva bellezza, portamento, forza. I re, per quel cavallo, erano disposti a pagare cifre favolose. Ma il vecchio rispondeva:

"Questo cavallo, per me non è un cavallo, è una persona. Come si può vendere una persona? E’ un amico e non una cosa. Come puoi vendere un amico?"

Il vecchio povero com’era, avrebbe avuto tutte le tentazioni per arricchirsi, ma non vendette mai il cavallo.

Un giorno, improvvisamente, scoprì che il cavallo non era nella stalla. La gente del villaggio si riunì e gli disse:
"Stupido vecchio, sapevamo che alla fine il tuo cavallo sarebbe stato rubato. Tu, così povero, come potevi proteggere una cosa così preziosa? Sarebbe stato meglio venderlo prima, avresti realizzato qualunque cifra avessi chiesto. Adesso il cavallo è andato: è una maledizione, una sfortuna."

Il vecchio rispose: "Non andate troppo lontano, semplicemente dite che il cavallo non è nella stalla. Questi sono i fatti, ogni cosa in più è un giudizio. Se sia una sfortuna o no, come potete saperlo? Come giudicate?"

La gente disse: "Non prenderci in giro. Noi, certo, non siamo grandi filosofi, ma qui il filosofo non serve. Il fatto è che il cavallo non è nella stalla e questa è una disgrazia".

Il vecchio disse: "convengo che la stalla sia vuota e il cavallo scappato. Non so altro, non posso dire se sia una benedizione o una sfortuna. Quello che so è solo un frammento. Chi conosce come proseguirà questa storia?"

La gente rideva: lo credeva pazzo. Solo un pazzo rinunciava alla fortuna, per vivere miseramente alla giornata, tagliando legna nel bosco.

Dopo quindici giorni, una notte, improvvisamente, il cavallo ritorno nella stalla. Non era stato rubato, era semplicemente corso via libero, verso la prateria. Non solo era tornato, ma con sé aveva condotto anche una dozzina di cavalli selvaggi.

Di nuovo la gente si riunì e disse: "Vecchio, avevi ragione tu, e noi torto. Non è stata una disgrazia, ma una benedizione. Ci dispiace di aver sbagliato".

Il vecchio rispose: "Ancora una volta state correndo. Dite soltanto che il cavallo è nella stalla e che altri dodici cavalli sono venuti con lui. Non giudicate. Chi sa se questa è una benedizione o no? E’ solo un frammento. Fino a che non si conosce l’intera storia, come si fa a giudicare? Potete leggere una pagina di un libro e giudicare tutto il libro? Potete leggere una frase di una pagina e giudicare l’intera pagina? Potete leggere una sola parola di una frase e giudicare tutta la frase? Ma anche una sola parola ha un significato così vasto… Nessuno sa se è una benedizione. Io sono felice di non giudicare: non disturbatemi!"

Questa volta la gente non lo criticò apertamente, il vecchio poteva avere ragione anche questa volta. Ma dentro, pensava ai 12 cavalli che, dopo breve addestramento, sarebbero stati venduti, con notevole profitto.

Il vecchio aveva un figlio unico che cominciò a addestrare i cavalli selvaggi. Una settimana più tardi, cadde da cavallo mentre cercava di domarne uno e si ruppe le gambe.

Di nuovo la gente del villaggio si radunò e disse: "Avevi ragione ancora una volta. Non è stata una benedizione, ma una disgrazia. Il tuo unico figlio ha perduto le gambe. Alla tua età era l’unico tuo sostegno. Adesso sei più povero che mai".

Il vecchio rispose: "Siete ossessionati dai giudizi. Non correte. Dite solo che mio figlio ha le gambe rotte. Chi sa se si tratta di disgrazia o fortuna, nessuno lo sa! Ancora un frammento, nient’altro vi è stato dato. La vita viene per frammenti, il giudizio riguarda la totalità".

Accadde che, dopo qualche settimana, il paese entrasse in guerra contro la nazione confinante e tutti i giovani furono costretti ad arruolarsi e a partire. Solo il figlio del vecchio, avendo le gambe rotte, fu risparmiato.

La gente si riunì, gridando e piangendo, perché da ogni famiglia un giovane era stato portato via. Senza speranza di ritorno, destinati a morte certa, perché il paese che stavano attaccando era molto più forte e la disfatta assicurata.

"Avevi ragione, vecchio" dissero le persone riunite ancora una volta. "Dio sa, e questo prova che era una benedizione. I nostri figli non ritorneranno, tuo figlio, tra breve, ritornerà a camminare e starà ancora con te!"

Rispose il vecchio: "E’ impossibile discutere con voi che giudicate, giudicate e ancora giudicate. Nessuno sa! Dite soltanto che i vostri figli sono stati costretti a partire e mio figlio no! Ma nessuno sarà mai in grado di dire se è una benedizione o una disgrazia. Solo Dio sa! E quando si dice solo Dio sa, si intende l’Assoluto sa. Non giudicate, altrimenti non sarete mai in grado di divenire tutt’uno con l’Assoluto."

Storia che gira nel web questa nel particolare è tratta da http://www.studiogayatri.it/home.htm

1 commento:

  1. claudia mancini10 febbraio 2011 07:09

    Grazieeeeee Jopop... IlTuttoèAmoreIosonoilTuttoiosonoAmore... ancora una volta questa storia mi dice che... l'Ego giudica .... il giudizio è paura.....la paura è separazione ! Mi spiace, Perdonami..Grazie..Ti Amo !

    RispondiElimina