lunedì 4 aprile 2011

Anima Gemella



“Non è detto che si arrivi a sposare sempre l’anima gemella più strettamente connessa a noi. Ce ne può essere riservata più di una.
Vi potrebbe capitare di sposare un’anima compagna meno interconnessa a voi, ma che ha qualcosa di specifico da insegnarvi o da imparare.
Può darsi che il riconoscimento dell’anima gemella avvenga in un momento successivo della vita, quando ormai entrambi vi siete già formati una famiglia nella vita reale.
E non è escluso che il vostro legame più forte riguardi l’anima di un vostro genitore, di un vostro figlio, o di un fratello. E infine può darsi che il vostro legame più forte sia con un anima che non si è reincarnata durante questo vostro periodo di vita, e che vi stà guardando dall’aldilà, come un angelo custode.
Talvolta la vostra anima gemella è desiderosa e disponibile.
Quest’uomo o donna potrebbe riconoscere la passione e la giusta reazione chimica esistenti tra voi, gli intimi e sottili legami che derivano da tante appartenenze reciproche verificatasi nelle vite passate.
Eppure questo incontro potrebbe addirittura risulatare dannoso per questioni di evoluzione d’anima.
Se una è meno sviluppata dell’altra possono subentrare elementi di gelosia, possessività, odio e paura.
Tali tendenze sono dannose per l’anima più evoluta pur provenendo dall’anima gemella.
Forse si produrrà un’altra opportunità nel corso della vita, perchè i risvegli tardivi accadono.
Ci sono poi delle anime che decidono di non sposarsi in ogni reincarnazione.
Si incontrano, stanno assieme finchè non hanno completato il loro compito e poi se ne vanno. I loro programmi sono differenti ed non vogliono o non sentono la necessità di passare tutta la vita assieme. Non è una tragedia è un fatto di ammaestramento.
C’è una vita eterna da passare assieme e talvolta ci può essere bisogno di seguire classi separate.
Un’anima gemella disponibile ma come sopita può invece essere un disastro e fonte di angoscia. Di solito ad impedire il risveglio è il complesso di pensieri volti alla quotidianità. La mente ha subito pronte una serie di scuse:
sono troppo giovane, non ha abbastanza esperienza, non sono pronto a prendere impegni, tu sei di religione/estrazione/razza diversa, e cosi via.
Sono tutte scuse perchè le anime non posseggono e non hanno bisogno di questi attributi.
Non si incappa ogni giorno in un’anima gemella , può capitare una o due volte nella vita.
La grazia divina ricompensa l’anima che ama, il cuore generoso.
Non si deve disperare di incontrare l’anima gemella. Questi incontri sono materia di destino, si verificheranno di certo. E dopo l’incontro sarà la volontà dei partner a determinare il corso degli eventi. Qualunque decisione prendano sarà questione di libero arbitrio , di scelta. L’anima meno desta prenderà decisioni basate sul ragionamento e su tutti i timori e pregiudizi della mente. Sfortunatamente questo conduce spesso ad una profonda afflizione.
Quanto più desta è una coppia, tanto è più probabile che la decisione si basi sull’amore.
Quando entrambi i partner sono desti, per loro l’estasi è a portata di mano”.
TRATTO DA:


  Molte vite, un solo amore acquistalo qui: www.macrolibrarsi.it


Argomento approfondito nel libro 
di Hoseki Vanini

2 commenti:

  1. quello che temo che la mia anima gemella , che sicuràrare e non prendere l'occasione, magari perchè troppo preso su varie attivitamente ora vive in qualche parte del mondo, magari la posso incont

    RispondiElimina